Archivi categoria: L4

Carta di Pisa e impegni comunali

Nelle scorse settimane i gruppi di minoranza della Amministrazione Comunale di Ivrea hanno segnalato in più occasioni un problema di incompatibilità di incarichi all’interno della pubblica amministrazione cittadina.
Tale valutazione di incompatibilità risulta basata  sui principi contenuti nella Carta di Pisa, codice etico proposto agli Amministratori dei Comuni aderenti all’Associazione Avviso Pubblico. L’adesione al  documento, nell’ambito della presentazione della piattaforma L4, era stata oggetto di un dibattito pubblico  con i candidati sindaco nel corso della campagna elettorale nel maggio di quest’anno e aveva ricevuto la sottoscrizione di tutti i candidati.
Dalle informazioni disponibili al momento, risulta che la Giunta stia esaminando il problema con alcune incertezze rispetto alla applicazione dei principi espressi all’interno della suddetta Carta.
Il Coordinamento territoriale di Libera di Ivrea e Canavese sottolinea la necessità di atti concreti da parte  della Giunta e del Sindaco che la presiede, in accordo con l’impegno sottoscritto in quella occasione.
Proprio per una riflessione articolata sul documento in questione, il Coordinamento ha proposto una giornata di approfondimento con il professor Vannucci, estensore della Carta di Pisa. Ciò affinché si possa entrare nel merito di aspetti applicativi ed eventuali problemi connessi, rispettando lo spirito ispiratore del codice etico stesso.
Si è già avuta l’adesione del professor Vannucci e del sindaco rispetto ad una data nel mese di gennaio 2014 che veda la maggior partecipazione possibile degli amministratori locali.

Ivrea, 9 dicembre 2013
Il Coordinamento di Libera di Ivrea e Canavese

L4, il lavoro della piattaforma continua

Il Coordinamento di Libera Ivrea e Canavese considera importante aver stimolato con la  proposta di L4  ambiti di riflessione tra le forze politiche. Ricordiamo infatti che tutte le forze politiche hanno  sottoscritto l’adesione alla Carta di Pisa, codice etico per gli Amministratori, in fase di campagna elettorale (vedi L4).

In Consiglio Comunale nel mese di settembre è stata evidenziata una situazione di conflitto di interessi  in seguito a rapporti di parentela  tra  un amministratore e persone operanti in organizzazioni specificamente interessate a decisioni  in cui  l’ amministratore in questione può essere coinvolto.
Rispetto a tale situazione di  incompatibilità tra incarichi il Coordinamento ha ritenuto opportuno procededere nel seguente modo:
E’ stata contattata la Amministrazione Comunale per avere elementi precisi rispetto ai fatti in questione, è stato chiesto quali soluzioni la Amministrazione prospettava per un risanamento della situazione.

Il Coordinamento si riserva di sollecitare la risoluzione della incompatibilità suddetta se questa non avverrà in tempi compatibili con le procedure organizzative delle istituzioni coinvolte. Per stimolare la riflessione sulla corretta gestione di aspetti etici, come intervento specifico delle modalità di Libera, il Coordinamento sta organizzando un incontro formativo di approfondimento sulla Carta di Pisa con il professore Vannucci, in particolare rivolto a tutti gli amministratori locali , eventualmente  da affiancare ad un incontro aperto alla cittadinanza di sensibilizzazione agli stessi principi.

Il coordinamento di Libera Ivrea

Il confronto tra i cinque candidati Sindaco di Ivrea

Si è svolto martedì 14 maggio 2013 il confronto tra i cinque candidati Sindaco di Ivrea sui temi della Piattaforma L4 in vista delle prossime elezioni comunali del 26-27 maggio

Ecco di seguito i video con gli interventi dei Candidati.

Franesco Comotto

Tommaso Gilardini

Alberto Tognoli

Pierre Blasotta

Carlo Della Pepa

Presentazione piattaforma L4 14 Maggio 2013

Martedì 14 Maggio verrà presentata la piattaforma politica “L4-Libera per Ivrea” presso l’Oratorio San Giuseppe (via Varmondo Arborio 6 Ivrea), a seguire discussione con i cinque candidati a Sindaco di Ivrea: Pier Blasotta, Francesco Comotto, Carlo Della Pepa, Tommaso Gilardini e Alberto Tognoli.

L4

Piattaforma politica per le elezioni comunali di Ivrea (maggio 2013)

“Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie” è nata il 25 marzo 1995 con l’intento di sollecitare la società civile nella lotta alle mafie e promuovere legalità e giustizia. Oggi Libera è un coordinamento di oltre 1600 associazioni, gruppi, scuole e realtà di base, territorialmente impegnate per costruire sinergie politico-culturali e organizzative capaci di diffondere la cultura della legalità democratica in Italia.
Libera è apartitica, non sposa alcuna ideologia precostituita, né sostiene alcun partito. Ma non per questo Libera non fa politica. Libera, per sua natura, è un soggetto politico in quanto pratica e promuove la cittadinanza attiva e la partecipazione alla vita della polis. La politica di Libera è legata a proposte che vogliono essere una base per lo stimolo di azioni tradotte dalle Istituzioni in prassi. Un esempio su tutti è la legge 109/96 sull’uso sociale dei beni confiscati alle mafie, un traguardo raggiunto grazie a un milione di firme raccolte con una petizione popolare lanciata proprio da Libera nel 1995.

Libera Ivrea propone ai candidati Sindaco del Comune d’Ivrea quattro impegni concreti da sottoscrivere pubblicamente e realizzare una volta eletti, al fine di promuovere una concreta cultura della legalità democratica nella Pubblica Amministrazione e sul territorio comunale.

1. ESCLUSIONE DEI CANDIDATI CONDANNATI
1.1 Chiediamo alle forze politiche di non candidare persone rinviate a giudizio o condannate, anche solo in primo grado, per reati di mafia o contro la pubblica amministrazione.
1.2 Chiediamo alle forze politiche di non allearsi con chi abbia tra i propri rappresentanti persone rinviate a giudizio o condannate, anche solo in primo grado, per reati di mafia o contro la pubblica amministrazione.

2. ANTIMAFIA CIVILE A LIVELLO COMUNALE
2.1 Proseguimento della partecipazione del Comune di Ivrea ad Avviso Pubblico – Enti locali e Regioni per la formazione civile contro le mafie, con la consapevolezza che tale azione richiede partecipazione e impegno da parte dell’intera Amministrazione.
2.2 Approvazione formale del Codice Etico per gli Amministratori locali, noto come “Carta di Pisa”, con il fine di favorire la massima trasparenza e promuovere un reale spirito di condivisione dell’attività politica.
2.3 Continuità nel celebrare il 21 marzo, la “Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie”, in ottemperanza alla legge regionale n.14 del 2007 e attivazione di tutti gli interventi previsti dalla legge al fine di promuovere educazione, informazione e sensibilizzazione in materia di legalità.

3. LOTTA ALL’EVASIONE CONTRIBUTIVA
Sviluppo di progetti in collaborazione con l’Agenzia delle Entrate e le Forze dell’Ordine, o altri enti ritenuti idonei, per la lotta all’evasione contributiva sul territorio. Riutilizzo delle eventuali maggiori entrate comunali per progetti di educazione dei giovani ad una cittadinanza responsabile.

4. PREVENZIONE E AZIONE CONTRO IL GIOCO D’AZZARDO
Attenzione al gioco d’azzardo, che risulta strettamente connesso a forme diverse di corruzione, di evasione fiscale e allo sviluppo di stili di vita caratterizzati da dipendenza. Attivazione di iniziative a tutela in particolare dei giovani e delle categorie più vulnerabili, come laboratori nelle scuole, e coinvolgimento di Enti ed Istituzioni nel sensibilizzare e promuovere iniziative.